NOTIZIARIO STAMPA DETTI E SCRITTI 17 MAGGIO 2018

NOTIZIARIO STAMPA DETTI E SCRITTI 17 MAGGIO 2018

A cura di Manlio Lo Presti

http://www.dettiescritti.com/

https://www.facebook.com/Detti-e-Scritti-958631984255522/

 

Esergo

Il mondo è una mia rappresentazione.

ARTHUR SCHOPENHAUER, L’arte di insultare, Adelphi, 1999, pag. 101

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

IN EVIDENZA

Lo Spread si alza. La Troika canta

16/05/2018 Massimo Bordin

 

Se solo il popolo italiano avesse uno straccio di memoria, ricorderebbe che ciò che vediamo in queste ore l’abbiamo già visto nel 2011. Stesso identico copione.

Per ridimensionare in modo drastico la politica euroscettica del Governo Berlusconi “qualcuno” all’epoca vendette il debito italiano per aumentare la differenza (spread) tra il prezzo dei titoli di Stato italiani (i btp) e quelli tedeschi (bund). L’aumento dello spread significa politicamente che un Paese è meno credibile di altri e, di solito, il punto di riferimento è la Germania, in quanto nazione leader in Europa.

In queste ore lo spread tra btp e bund è salito a 150 punti. Dunque, un aumento consistente, se rapportato all’esiguo lasso di tempo in cui è passato dal 113 di aprile agli attuali 150.

Per quale motivo lo spread è salito?

 

Continua qui: http://micidial.it/2018/05/lo-spread-si-alza-la-troika-canta/

 

 

 

 

ARTE MUSICA TEATRO CINEMA

Hitler era ossessionato dal cinema. E se lo pappò

Nel 1935 Nazisti e Fascisti firmano un ‘patto d’acciaio’. Obbiettivo: distruggere lo strapotere dell’industria cinematografica americana. Quando la cultura è al servizio del regime

Giovanni Zimisce – 17 ottobre 2017

Dittature? Tutta una questione di cultura. Il primo impegno di un governo che non vuole cadere al primo soffio dell’opposizione è dominare la comunicazione, organizzare gli istituti culturali, asservire a sé gli intellettuali – notoriamente, brava gente, gente pavida. In un libro pubblicato da poco per la Harvard University Press, The Nazi-Fascist New Order for European Culture (pp.370, $ 39.95), Benjamin G. Martin, incarnazione del ricercatore globetrotter (laureato alla Columbia, insegna a Stoccolma), espone questa tesi: il ‘patto’ tra Fascismo e Nazismo fu essenzialmente culturale. D’altronde, i rispettivi leader, Hitler da un lato (pittore dalle ambizioni frustrate) e Mussolini dall’altro (giornalista d’assalto e scrittore di pregio: Elio Vittorini, nel 1933, quando ancora indossava la camicia nera, scriveva, riferendosi a Vita d’Arnaldo, “queste dieci pagine – è straordinario ma è così – mi ricordano le duecento del più bel romanzo, forse, di Tolstoj, del romanzo che s’intitola Infanzia”) avevano il vezzo dell’intellettuale.

Tra i tanti, un esempio spiattellato da Martin è indicativo. Siamo nel 1935, Mostra del Cinema di Venezia. La Coppa Mussolini – così la dizione del trofeo, fondato nel 1932,

Continua qui: http://www.pangea.news/hitler-ossessionato-dal-cinema-lo-pappo/

 

 

ARCHITETTURA, FILOSOFIA E SCIENZA

Guglielmo Thomas d’Agiout28 febbraio 2018

 

Ė luogo comune considerare l’architettura come un insieme di forme e spazi rappresentativi generalmente intesi o come magnificenze estetiche, o come pensieri astratti geometrici, o come entità formali naturali nel senso di confronto con la natura (biologiche o ecologicamente sostenibili). La maggior parte (se non quasi la totalità) delle rappresentazioni delle architetture, nei testi critici o descrittivi dei cosiddetti “grandi maestri” o delle attuali “archistar”, mostrano generalmente, o “forme complessive” del manufatto architettonico, o dettagli di soluzioni come pensiline e spazi vari

 

Continua qui: http://mimesis-scenari.it/2018/02/28/architettura-filosofia-e-scienza/

 

 

 

 

ATTUALITÀ SOCIETÀ COSTUME

Orrore in Norvegia: stupri di massa e violenze sessuali in un villaggio della Lapponia

Luciana Grosso  – 29/11/2017

Sarebbero circa 82 le vittime di stupro, uomini e donne e molti bambini, e 92 i sospetti carnefici a Drag, nel comune di Tysfjord un villaggio lappone di 2.000 abitanti, nella Lapponia norvegese. L’indagine è arrivata dalla denuncia di undici persone che hanno raccontato di aver subito violenza nel villaggio.

Secondo quanto riporta il Guardian, sarebbero almeno 151 i presunti casi di molestie e violenze sessuali, che avrebbero coinvolto persone tra i 4 e i 75 anni. 

 

Continua qui: https://it.businessinsider.com/orrore-in-norvegia-stupri-di-massa-e-violenze-sessuali-in-un-villaggio-della-lapponia-e-altri-9-fatti-del-giorno/

 

 

 

Vittorino Andreoli: “Siamo la società dell’homo stupidus stupidus stupidus.

Oggi solo gli imbecilli possono essere felici”

Lo psichiatra ad Huffpost: “Distruttività, frustrazione e l’insicurezza sono le caratteristiche del nostro tempo. Siamo la società della paura e domina la cultura del nemico

 

Flavia Piccinni – 16 maggio 2018

Alberto Ramella SYNC / AGF

“Viviamo in una società dominata dalle frustrazioni. La sensazione prevalente è quella di trovarsi in un ambiente in cui ci si sente esclusi, ci si sente insicuri, si ha paura. Si accumula così la frustrazione, che poi diventa rabbia. E la rabbia sa a cosa porta? Porta alla voglia di spaccare tutto. Il nostro tempo non è violento, è distruttivo”.

Vittorino Andreoli, noto psichiatra e prolifico scrittore, riflette così sulla contemporaneità e sull’uomo. Lo fa nel suo ultimo romanzo, presentato al Salone del Libro di Torino, Il silenzio delle pietre (Rizzoli, pp.328). “Non credo alla divisione categorica fra romanzi e saggi” specifica lui. Non a caso, il volume è una lunga narrazione ambientata nel 2028: i tempi non sono più gli stessi, l’uomo non è più libero di scegliere, ma ha solo l’opzione benedetta dell’esilio. Che diventa mitico, e narrativo, quando si rivela volontario e scozzese. “Il mio protagonista – continua Andreoli – scappa da tutto.

 

Continua qui: https://www.huffingtonpost.it/2018/05/16/vittorino-andreoli-siamo-la-societa-dellhomo-stupidus-stupidus-stupidus-oggi-solo-gli-imbecilli-possono-essere-felici_a_23435832/

 

 

 

 

CONFLITTI GEOPOLITICI

Governo Pd e la Psicopolizia

RILETTURA

Marcello Pamio – 27 agosto 2017

 

 

Fu il grande scrittore Eric Arthur Blair (1903-1950) alias George Orwell a inventarsi il termine di Psicopolizia o Polizia del Pensiero nel suo memorabile romanzo 1984.
Un fantaromanzo che di fanta ha gran poco.
L’unico modo che Orwell aveva per denunciare al mondo il pericolo dei totalitarismi – in un momento storico molto delicato – era quello di romanzarlo.
Ma romanzi a parte egli conosceva molto bene il Sistema dittatoriale che si stava delineando nel mondo, e non a caso in 1984 la descrizione e la rappresentazione sono esemplari. Un Sistema governato dal Grande Fratello ha a sua disposizione lo strumento coercitivo più invasivo e pervasivo che l’essere umano potesse mai immaginare: il controllo totalizzante del pensiero.

Continua qui: https://www.disinformazione.it/Governo_Pd_psicopolizia.htm

 

 

 

 

CULTURA

Intelligence francofortese e Cultural Cold War

Enrico Petris – 14 marzo 2018

La collaborazione a vario titolo e spesso in posizioni dirigenziali dei filosofi con le agenzie di intelligence ufficiali o camuffate durante la Seconda guerra mondiale e anche successivamente, soprattutto in ambito anglo-americano, è nota.

Se quest’ultimo può essere assunto come un modello teorico ed operativo, può risultare utile chiedersi se vi sia la possibilità di riscontrare eventi di connessione tra agenzie di intelligence e intelligenza filosofica anche in altre zone geografiche in quel periodo e anche successivamente. Per esempio, che cosa accadeva in Italia, in Francia o in Germania? Per limitarci solo a quest’ultima, direi che può risultare interessante che cosa accadeva a Francoforte, o meglio nella Francoforte emigrata negli Stati Uniti.

La diffusione a livello di massa delle relazioni tra Marcuse e l’intelligence americana è databile dall’articolo di Angelo Bolaffi su “Repubblica” del luglio 2016. Esso ha reso noto un particolare non secondario che gli specialisti già conoscevano, per lo meno da quando Cohn-Bendit chiese direttamente a Marcuse, in una conferenza romana del 1969, i motivi del suo lavoro alla Cia. Ebbe buon gioco Marcuse a negare di aver lavorato con la Cia. In effetti con quella agenzia non lavorò, lo fece bensì per lo meno con l’Oss.

Continua qui: http://mimesis-scenari.it/2018/03/14/intelligence-francofortese-e-cultural-cold-war/

 

 

 

CYBERWAR SPIONAGGIO DISINFORMAZIONE

Cambridge Analytica, Grillo: “Non vedo lo scandalo, siamo manipolati dalla pubblicità”

16 maggio 2018, di Alberto Battaglia

Per Beppe Grillo il caso dei dati personali estratti dai profili Facebook da Cambridge Analytica non è uno “scandalo”: è quanto ha affermato il leader del Movimento 5 stelle in un’intervista a Newsweek.

“Non vedo lo scandalo se non ci si comporta come un bambino”, ha detto, “è così ovvio che siamo costantemente monitorati e manipolati sia nella pubblicità che in politica“. Il commento giunge quasi in contemporanea con la notizia, anticipata dal New York Times, dell’apertura di un’indagine da parte dell’Fbi e del dipartimento di giustizia americano su Cambridge Analytica.

Grillo non manifesta grande interesse nemmeno per il tema delle fake news, anzi, a proposito dei media tradizionali

 

Continua qui: http://www.wallstreetitalia.com/cambridge-analytica-grillo-non-vedo-lo-scandalo-siamo-manipolati-dalla-pubblicita/

 

 

 

 

 

DIRITTI UMANI – IMMIGRAZIONI

Bonino. “Ma quale terrorismo islamico, l’unico pericolo in Italia è la xenofobia!”

Secondo la radicale, che praticava aborti con una pompa per le biciclette, le violenze da parte degli immigrati non esistono ma sono invenzioni di Salvini

 

di Redazione – 12 Febbraio 2018

La radicale e leader del movimento “Più Europa”, Emma Bonino, in un intervento pubblicato lunedì da Repubblica ha affermato che in Italia non esiste il pericolo di attentati da parte di jihadisti, ma l’unico atto terroristico finora registrato è stato, a suo dire, di stampo xenofobo e non ha prodotto una carneficina solo per errore di ‘mira’ da parte dello sparatore: “Il terrorista non è venuto fuori da un centro islamico, ma da una sezione di un partito rappresentato in Parlamento. Io respingo l’idea che la xenofobia sia un prodotto dell’immigrazione. Continuare a perseverare in questo errore di analisi significa scivolare verso la giustificazione del pregiudizio”.

La xenofobia, secondo la signora diventata famosa per una foto che la ritrae mentre pratica degli aborti utilizzando una pompa per biciclette,

Continua qui: http://www.ilpopulista.it/news/12-Febbraio-2018/23339/bonino-ma-quale-terrorismo-islamico-l-unico-pericolo-in-italia-e-la-xenofobia.html

 

 

 

ECONOMIA

Benessere e felicità: anche questa è economia!

Marco Parlangeli – 16 maggio 2018

Dopo l’incursione temporanea nell’analisi di scenario, con conseguente bagno nell’attualità, torniamo adesso ai massimi sistemi ed alla teoria.

I lettori più fedeli e “anziani” di questo blog ricorderanno che in passato abbiamo parlato di economia del benessere, ovvero di quello che consente di confutare la nota frase di Kennedy secondo cui “il PIL di un paese misura tutto fuorché la felicità. In effetti il nostro problema non è tanto la misurazione della felicità, quanto il contributo del benessere all’equilibrio generale.

Abbiamo visto nei precedenti articoli sui fondamentali dell’economia come in un mondo ideale la concorrenza perfetta porti a una situazione di equilibrio in ogni mercato: la domanda uguaglia l’offerta, le aspettative si verificano,

Continua qui: www.marcoparlangeli.com

 

 

 

Anteprima dell’aspetto grafico dei Mini Bot 

 

IL LAYOUT DEI MINIBOT di Carlo Botta

lunedì 19 febbraio 2018

 

 

I Mini Bot fanno parte di un’iniziativa lanciata dal Prof. Claudio Borghi Aquilini, economista e responsabile Dipartimento di economia della Lega.

 

A differenza delle grafiche impresse sulle banconote dell’euro, dove vengono raffigurati ponti, finestre e figure geometriche prive di qualsiasi identità, i Mini Bot hanno invece voluto rievocare come qualsiasi elemento nazionale personaggi e monumenti che possano ricordare e rappresentare la nostra bella Italia.

 

Sul fronte sono stilizzati alcuni degli illustri personaggi che hanno contribuito alla storia del nostro Paese, mentre sul retro sono stilizzati monumenti che hanno un legame con gli stessi personaggi.

 

Continua qui: http://carlomaxbotta.blogspot.it/2018/02/il-layout-dei-minibot-di-carlo-botta.html

 

 

 

Bce bacchetta Germania: “Sud Europa ha fatto abbastanza”

16 maggio 2018, di Alberto Battaglia

“È stato fatto abbastanza in termini di riduzione dei rischi [nei Paesi periferici] per giustificare l’introduzione di elementi comuni di condivisione nel progetto dell’unione bancaria europea”: lo ha dichiarato il vicepresidente della Bce, il portoghese Vítor Constâncio.

Giunto vicino al termine del suo mandato, il vice di Draghi ha implicitamente ammonito la Germania, apparsa sempre poco entusiasta di fronte, ad esempio, alla costituzione di un fondo interbancario di tutela dei depositi su scala europea. Il timore è che le condizioni economiche e il peso di crediti malsani si possa tradurre in un importante trasferimento netto di liquidità

 

Continua qui: http://www.wallstreetitalia.com/bce-bacchetta-germania-sud-europa-ha-fatto-abbastanza/

 

 

 

 

 

 

FINANZA BANCHE ASSICURAZIONI

Fed: Bitcoin in futuro sarà minaccia per il dollaro

16 maggio 2018, di Daniele Chicca

Il Bitcoin potrebbe presto rappresentare una minaccia per il dollaro americano: lo ha dichiarato James Bullard presidente della Federal Reserve di St. Louis. Intanto in Florida una contea inizia ad accettare la criptovaluta come metodo di pagamento delle tasse.

In un’intervista concessa il 14 maggio alla CNBC ai margini della Conferenza Consensus 2018 di New York, Bullard ha inoltre segnalato alcuni aspetti positivi del mercato delle criptovalute, come per esempio il consentano una riduzione dei costi nelle attività commerciali.

La crypto più capitalizzata al mondo può “facilitare alcuni scambi commerciali che altrimenti

 

Continua qui: http://www.wallstreetitalia.com/fed-bitcoin-potrebbe-diventare-una-minaccia-per-il-dollaro/

 

 

 

GIUSTIZIA E NORME

MONTANTE: L’ANTIMAFIA ÈIL TERZO LIVELLO DELLA MAFIA

16 maggio 2018 – Mauro Mellini

Per noi, per i nostri amici e lettori, per chi ha seguito almeno un po’ della lunga, estenuante battaglia di Salvatore Petrotto, non ha certo suscitato stupore la notizia dell’arresto di Montante, il presidente di Sicindustria (Sicindustria Sicilia) con lui passata alla testa dell’antimafia più sconciamente rigorosa (al punto da espellere, additandoli così al “braccio secolare”  dei provvedimenti di prevenzione ed interdettivi, gli industriali rei di essere divenuti vittime dei ricatti della mafia per aver pagato il pizzo) (anticipazione del principio – si direbbe – del processo della “Trattativa”).

Che Montante fosse inquisito per “concorso esterno” era noto da mesi e forse da anni, Caso più unico che raro di un avviso di garanzia per reati di mafia anticipatore e non di poco, del provvedimento restrittivo. Un trattamento, quindi di tutto riguardo.

 

Continua qui: http://www.lavalledeitempli.net/2018/05/16/montante-lantimafia-terzo-livello-della-mafia/

 

 

 

LA LINGUA SALVATA

Appurare

ap-pu-rà-re (io ap-pù-ro)

SignAccertare, verificare, controllare, riconoscere la verità di qualcosa; depurare

dallo spagnolo apurar, composto parasintetico di puro ‘puro’.

Il passaggio semantico che porta il ‘depurare’ fino al ‘verificare’ avviene già nello spagnolo del XIII secolo: l’italiano recepisce questo verbo a giochi fatti, nel Seicento.

Sappiamo che appurare vuol dire accertare, chiarire, controllare la verità di qualcosa, in un registro piuttosto curato. Appuro che non stia passando nessuno e faccio una rapida inversione, andando giusto incontro ai vigili della municipale che non avevo notato e mi fermano; nella ricerca clandestina di squisitezze dolci appuro che qualcuno ha finito il barattolo di nutella lasciandone un sottile strato sulle pareti perché alla vista paresse pieno (aspetta, sono stato io); e una rapida indagine è sufficiente ad appurare l’estraneità ai fatti di un primo indagato.

La bellezza con cui ci si presenta l’appurare è penetrante: un atto tutto intelligente come quello del verificare una realtà viene dipinto in una veste chimica, o alchimistica, per cui il fatto viene depurato, scevrato dal dubbio e dal falso, e quindi mostrato alla mente limpido, nella sua forma vera e vera consistenza. E in effetti il richiamo di questo processo resta in una certa solennità, in una certa cerimonia dell’appurare: anche se appuriamo con un’occhiata en passant, rimane un’azione presente.

17 maggio 2018

https://unaparolaalgiorno.it/significato/A/appurare

 

 

 

 

POLITICA

Un Comitato di conciliazione (parallelo al Consiglio dei ministri)

Il documento integrale su cui si è arenata la trattativa tra Di Maio e Salvini. Nel contratto un meccanismo di uscita dall’euro e la richiesta a Draghi di cancellare 250 miliardi di debito italiano

Lucia Annunziata, Gianni Del Vecchio, Alessandro De Angelis, Carlo Renda, Claudio Paudice – 15 maggio 2018

Huffpost

La parte più sorprendente, e per certi versi più esplosiva, del documento cui stanno lavorando come base di un accordo di governo Lega e M5s, è contenuta a pagina 4 delle 39 di cui il documento è, al momento, composto: la creazione di una struttura parallela al Consiglio dei ministri, il Comitato di Riconciliazione, sede in cui regolare i dissensi nella cooperazione fra le due forze politiche o prendere nuove decisioni. Un organo consultivo e decisionale (che infatti decide con maggioranza a due terzi) non previsto oggi dall’architettura costituzionale del governo

Continua qui: https://www.huffingtonpost.it/2018/05/15/un-comitato-di-conciliazione-parallelo-al-consiglio-dei-ministri_a_23435353/?utm_hp_ref=it-homepage

 

 

 

 

 

SCIENZE TECNOLOGIE

AMAZON E IL PIANO PER AMMAZZARCI

AMAZON: STUPRI SENZA REGOLE

sabato 25 marzo 2017

 

 

 

Dopo vari appelli caduti clamorosamente nel vuoto a diverse testate televisive e stampate e, tenendo ben presente i timori di alcune PMI circa le ritorsioni da parte dei “forti” (multinazionali e loro amici) verso i deboli (le nostre PMI), ho deciso di anticipare questo post per iniziare una “campagna denuncia” verso quanto sta commettendo indisturbatamente e con estrema ferocia Amazon nei confronti dei nostri imprenditori.

Guardando l’attività del colosso americano dal lato del consumatore sembra tutto meraviglioso, con pochi clic si fanno acquisti e si ha una tutela della transazione ed acquisto a dir poco generosa. È vero. Ma tutto questo nasconde un qualcosa di veramente orribile, e a tratti, probabilmente illegale.
Leggendo di seguito si potrà avere un’idea di cosa voglia dire il turboliberismo, un mercato senza la regolamentazione del “moderatore Stato”,

 

Continua qui: http://carlomaxbotta.blogspot.it/2017/03/amazon-e-il-piano-per-ammazzarci.html

 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply