Ritorna lo spettro della Xylella

https://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/23/caso-xylella-mozione-di-sfiducia-per-il-ministro-martina-troppi-errori/2327122/

Ritorna lo spettro della Xylella

Manlio Lo Presti – 17 maggio 2019

Dopo un certo periodo di silenzio, causato dall’attenzione generale focalizzata sulla schifosa e indegna rissa elettorale, il buonismo imperante ed il terrorismo del politicamente corretto, usati come armi di distrazione di massa, ritorna lo spettro della xylella che fa ampio scempio di ulivi secolari in Puglia.

Ma durante questo prolungato silenzio la xylella dov’era? Aveva cessato di esistere? No di certo!

Misterioso l’infortunio accaduto all’esile ed attivissimo governatore della Puglia. La frattura della gamba esclude la corsa dello stesso alla candidatura europea e alla segreteria del suo partito. È stato un caso?

Poco lo fa pensare in un Paese dove la contesa politica arriva alla calunnia verbale e mezzo stampa, all’azzoppamento del bersaglio per via giudiziaria per poi arrivare al ferimento ed infine all’assassinio per incidente stradale (metodo preferito dai “servizi” perché rapido, diretto, che non lascia tracce).

Desta più di un sospetto il lancio della notizia del ritorno alla ribalta ad orologeria della xylella se la pubblicazione avviene addirittura sulla prima pagina della corazzata del buonismo neomaccartista quale è il Sole24Ore! Il quotidiano del FATE PRESTO, per capirci fino in fondo e senza finti equivoci.

Considerato l’alto standing del quotidiano, il lancio dalla corazzata mediatica fa riflettere e preoccupa molto.  La diffusione della notizia si sincronizza con il crescendo di martellante ostruzionismo contro il governo attuale, una mitragliata di ostacoli che nulla hanno a che fare con il confronto democratico di diverse visioni della società e le strategie “pulite ed oneste” per realizzarle.

Lo scontro ossessivo, senza fondamenti socio-economici, avviene sul paludoso territorio della disinformazione (un comportamento che le sinistre addebitano a tutti-coloro-che-non-hanno-votato-nel-modo-giusto il cui destino è quello di essere tacitati – secondo un ben noto scrittore napoletano – oltre i 70 anni di età e ricondizionati – come preconizzato da alcuni noti giornalisti “progressisti” e da eminenti filosofi “della parte giusta” –  in appositi campi di rieducazione stile Cina maoista).

La pubblicazione della recrudescenza della xylella, scomparsa da tempo dalle cronache di primo piano, è un segnale di morte imminente dell’attuale governo.

Un assassinio golpista a cui si stanno adoperando – senza alcun legame ad argomenti politici e sociali – in ordine di apparizione:

  • L’effervescente inquilino del Colle;
  • Le legioni cardinalizie de El Pampero a capo di uno staterello che da secoli continua a bloccare con le sue pesantissime ingerenze lo sviluppo democratico del nostro Paese;
  • I capi e capetti della costellazione di gruppi politici immigrazionisti che-hanno-votato-nel-modo-giusto, che hanno messo in ombra la tutela dei diritti sociali del lavoro, della sanità pubblica, le spaventose disuguaglianze sociali ed economiche, per votarsi alla vulgata ordoliberista NWO immigrazionista neomaccartista diffusa a colpi di miliardi di dollari e di euro dal generone DEM nordamericano finanziato dai soli noti multimiliardari;
  • Il potere schiavizzante della presenza pervasiva delle 164 basi atomiche USA nel territorio italiano;
  • La miriade di Ong dentro il territorio italiano e sul mare;
  • Il ruolo non proprio limpido delle forze armate italiane che in varie occasioni, SI SONO RIBELLATE ALLE DIRETTIVE DEL COVERNO ATTUALE. Un atto eversivo che doveva essere subito censurato dall’attuale presidente della repubblica che invece è stato zitto e non ha nemmeno destituito nessuno dei generali coinvolti nell’atto ribelle in puro stile sudamericano!!!!!!!!!!
  • L’asse francotedescosvizzeroUSA, con l’appoggio esterno dell’Inghilterra che da oltre un secolo azzoppa ed uccide con attentati sanguinosi con centinaia di vittime i tentativi italiani di darsi un governo e uno sviluppo economico autonomo.

All’interno di questo quadro non proprio esilarante, l’emersione della xylella è un campanello mortale di allarme: ritornano gli spettri dei colpi di stato finanziari, elaborati a tavolino nei palazzi dove risiedono i figuranti sopra elencati.

TUTTO CIO’ PREMESSO

Vale come digressione esplorativa e soprattutto esplicativa sul perché la vicenda xylella è un segnale mortale.

In una situazione di caos permanente programmato mediante un corto circuito istituzionale, economico, sociale, difensivo dell’Italia, possono riprendere in grande stile gli sbarchi dei c.d. immigrati, con il ritorno di guadagni titanici in miliari di euro a favore degli ben noti organizzatori, oggi messi al bando dall’attuale governo.

L’ingresso in massa di milioni di nordafricani e di profughi dall’est Europa, una invasione provocata dalla prossima aggressione di stampo iracheno contro l’Iran e dal Nordafrica potrà essere facilitato con la disponibilità di un ampio territorio desertificato come base di primo ingresso.

Casualmente, la zona pugliese massacrata dalla xylella (che fa pensare alle devastazioni pilotate del virus Ebola in Africa) può servire a questo scopo. Gli effetti sul tessuto sociale ed economico della Puglia sarebbe distruttivo: un particolare che ai piani del DEEP STATE DE’ NOANTRI non frega una beata …

Era questo che forse voleva dire il governatore della Puglia ma che non ha potuto fare perché casualmente infortunato con la gamba spezzata! Perché ha taciuto? Non si era rotta la bocca e il suo apparato mandibolare. Probabilmente sapeva tutto dall’inizio. Poteva parlare, ma non lo ha fatto.

P.Q.M.

SPREAD e XYLELLA sono – fra gli altri – i due MALLEUS MALEFICARUM per fare dell’Italia la sacca razziale dell’unione europea.

Con studiata lentezza, fra un caos pilotato ed un altro, questo è il destino riservato al nostro Paese.

Adesso assisteremo ad una fortissima accelerazione degli eventi.

Ne riparleremo molto molto presto!!!!!!!!!!!!!!!!

Be the first to comment

Leave a Reply