UMANI GENDER E MARCHIATI SOTTOPELLE COME IL BESTIAME

UMANI GENDER E MARCHIATI SOTTOPELLE COME IL BESTIAME

Manlio Lo Presti – 13 settembre 2021

Fonte: https://www.ebay.it/itm/274895918420?mkevt=1&mkcid=1&mkrid=724-53478-19255-0&campid=5338722076&toolid=10001

In Oriente il mondo è stato guidato da donne molto capaci e alcune controverse come Benazir Bhutto, Indira Gandhi, Golda Meir, Sirimavo Bandaranaike, Aung San Suu Kyi. Ne seguono moltissime altre in numerose aree dell’azione umana.

Qualcuno/a avrà notato che numerose sono donne al vertice di Stati nazionali nominate in Oriente. In Occidente abbiamo nobildonne molto influenti nel mondo romano, regine nel Medioevo e nel Rinascimento, qualcuna nell’era contemporanea.

Sorprendentemente, e in misura notevolmente inferiore, abbiamo pochissime donne nel cosiddetto Occidente progressista, BLM, neomaccartista eptasex genderista (LGBTQUIA), globalista, buonista, immigrazionista. Questo dislivello dimostra ancora una volta che la questione di genere, orchestrata nei termini di questo Occidente, è una gigantesca mistificazione, è una psyop ad usum delphini. Lo dimostra la notevole scarsità di donne ai vertici che, di recente, sta diminuendo. La questione delle pari opportunità deve iniziare dal mondo del lavoro, dalla cultura, dalla formazione scolastica, dalla gestione economica.

Nel settore cinematografico e teatrale, mi hanno raccontato che, attualmente, il reclutamento degli attori DEVE rispettare con il bilancino, un numero eguale di uomini, di donne, di exasex.

Nella politica – a prescindere dai contenuti programmatici politici – ogni candidato DEVE essere accompagnato da una donna.

In ogni pubblicità DEVE esserci una presenza esotica, anche se il prodotto non ha alcuna correlazione simbolica ed economica, l’esotica e/o l’esotico deve essere incastrati per forza!

Il Neomaccartismo lo esige!!!

Sono forzature demagogiche che non tengono in alcun conto dei tempi della maturazione dei processi sociali di civilizzazione (cfr. Michel Foucault, Saskia Sassen, Ida Magli e Hans Jonas fra i molti). È evidente che il martellamento propagandistico ha un tasso di credibilità in correlazione inversa alla pressione esercitata sulla popolazione, generando effetti contrari sempre più dilaganti. A questa reazione, gli Alti Comandi Globalisti buonisti green rispondono con l’odio e il disprezzo tipico degli “onusti della verità irrogata dall’alto” e con il controllo di sorveglianza che oggi culmina con il controllo tecno-sanitario documentale a distanza.

Siamo solo agli inizi di un processo di demolizione socio-tecno-economico che investirà anche le donne che oggi generano figli invece di procurarseli alla filiera buonista globalista dell’adozione e dell’utero in affitto o delle incubatrici.

La società deve strutturarsi con l’articolazione parentale presente in tutti i film di Disney:

  1. la madre naturale è morta o è assente,
  2. la madre, se esiste, è una matrigna,
  3. il padre è di solito un re svampito che ama morbosamente la figlia (incesto latente?),
  4. Una società senza madri naturali, i personaggi nascono ma non si sa da CHI,
  5. ci sono zii, nipoti e cugini

ESSI intendono procedere rapidamente alla creazione di una umanità senza legami e marchiata non più a fuoco ma identificata con un codice che a breve sarà impiantato sottopelle.

Siamo bestiame, poi cibo, poi spazzatura da ricompostare in cibo per gli umani.

Altro che Fahrenheit 451! …

 

TEMI TRATTATI

Umani, Gender, Marchio a fuoco, umani marchiati, bestiame, cibo, spazzatura, Benazir Bhutto, Indira Gandhi, Golda Meir, Sirimavo Bandaranaike, Aung San Suu Kyi, BLM, neomaccartista, eptasex, genderista, LGBTQUIA, globalista, buonista, immigrazionista, psyop, ad usum delphini, Michel Foucault, Saskia Sassen, Ida Magli e Hans Jonas, Alti Comandi Globalisti buonisti green, controllo tecno-sanitario documentale a distanza, utero in affitto, Disney, compostaggio, spazzatura umana,

Be the first to comment

Leave a Reply