Sahra Wagenknecht – Deputata LINKE, Trascrizione del discorso del 28 luglio 2015

http://www.zimbio.com/photos/Sahra+Wagenknecht/Angela+Merkel+Gives+Government+Declaration/mhVIj51Xqx6

Sahra Wagenknecht – Deputata LINKE

Trascrizione del discorso del 28 luglio 2015

Signor Presidente, Colleghe e Colleghi, Signora Cancelliera, Sig. Schaüble, credo che qui nessuno sostenga che la Grecia non abbia bisogno di riforme. Ha bisogno di uffici catastali, di una amministrazione fiscale che funzioni, di lotta alla corruzione, una drastica tassa patrimoniale a carico dei super-ricchi i quali, nonostante la crisi e la vigilanza della Troika, sono sempre più ricchi.

VIDEO QUI: https://www.youtube.com/watch?v=TEX0nBm09GM  

Ma quello che voi difendente con il bel nome “Difesa delle riforme” non nulla a che fare con proposte sensate. È questo il problema centrale sig. Gabriel, se ha il piacere di ascoltare! Quello che avete blaterato finora è un’offesa.

Politica di investimenti favorevoli alla crescita.

Guardatevi il pacchetto che è stato imposto alla Grecia. È esattamente il proseguimento delle violente politiche dei tagli degli ultimi 5 anni che ha già distrutto ¼ del potenziale economico della Grecia che ha portato a disoccupazione record, alla povertà che ha portato davvero alla miseria, che ancora di più aumentato il debito greco dal 130% del PIL al 180%. E voi adesso volete proseguire e inasprire con la totale svendita dei beni pubblici e la totale interdizione del parlamento greco eletto che in futuro non potrà decidere di NULLA. E qui devo dirvi: quello che state facendo a quello Stato che non solo è la culla della democrazia, ma è anche dell’intera cultura europea.

È SOLAMENTE VERGOGNOSO!

Il Financial Times stima che l’economia greca, se mette in pratica la vostra lista “di regali”, scenderà di ulteriore 5%. E anche il FMI, che lei signora Merkel ha assolutamente voluto a bordo, crede che la quota del debito greco sarà fra poco al 200% del PIL e che il pacchetto di 85 MDI sarà solamente una partita di giro. È la sua responsabilità Sig.ra Merkel, non della Linke e neanche del governo Syriza, che i cittadini garantiscono già per 80 MDI del debito greco. Adesso, con un colpo di mano, vuole aumentarli di 20 MDI. Tutto questo per un programma al cui successo non credete neanche voi. Il sig. Schaüble lo ha già in un certo senso ammesso. Fra un anno saremo di nuovo allo stesso punto. Solo che la Grecia sarà ancora più povera e i suoi debiti saranno ancora più alti.

Devo proprio dire come voi gestite i soldi, per i quali milioni di persone hanno duramente lavorato. Come voi gestite questi soldi dei contribuenti è semplicemente irresponsabile.

La Grecia è indebitata dal 2010 e un indebitato non ha bisogno di altri debiti. Un indebitato a bisogno di un vero e proprio taglio del debito. E adesso non mi venga a dire delle regole sig. Schaüble. Voi siete responsabili della più grande violazione delle regole sig.ra Merkel e sig. Schaüble: anche voi siete responsabili. O non è stata una violazione delle regole in Europa che voi nel 2010 avete deciso di garantire i debiti di uno Stato per caricarli sulle spalle dei contribuenti europei, si, anche degli Stati baltici, ma anche sui lavoratori della Repubblica Federale. Lo avete deciso voi, ma solo per evitare che le banche tedeschi e francesi si salvassero da perdite miliardarie. Questo è stato il nocciolo della situazione che ha dato inizio a questa tragedia. Ed ora pratica un ritardo del fallimento per non ammettere che all’epoca avete sperperato molti miliardi. E questo voi la chiamate anche “solidarietà”? Non si poteva abusare in modo peggiore di questa grande parola.

“Ci sono due metodi per conquistare e schiavizzare una nazione” – disse il grande economista Adam Smith – “Un metodo è con la spada, l’altro è con il debito”. Esistono anche due metodi per fare un colpo di Stato. Il metodo classico con i carri armati e militari. Il metodo moderno fa uso di banche e del potere sulla moneta di una nazione. E con questo ultimo metodo ce l’avete fatta a cancellare il desiderio espresso dal 60% della popolazione greca per la fine del rovinoso programma di tagli.

Che vittoria triste!

E devo proprio dire non la vedo Sig. Gabriel. Il suo ruolo in questo giochetto, il suo inasprimento nel voler imporre il taglio delle pensioni e l’aumento dell’IVA ed il suo cupo servilismo nei confronti di un risentimento senza scrupoli che si ha l’impressione che lei si stia preparando una nuova carriera sulle rovine dell’AfD (Alternative für Deutschland). La sua falsità ed il suo opportunismo sono stati così deplorevoli che mi chiedo davvero fino a quando la SPD sopporterà questo squallido vertice. Non solo in Grecia ma anche in Germania e in tutta l’Europa ci sono sempre più persone che non possono vivere dignitosamente con il proprio lavoro. I pensionati si impoveriscono ovunque, il ceto medio si sta assottigliando sempre di più e i loro risparmi vengono derubati, mentre c’è il boom del mercato dei capitali. Questa è la vostra Europa signori Merkel, Schaüble e Gabriel? Una colonia dei mercati finanziari dove non c’è posto per la democrazia perché tecnocrati, banchieri e lobbisti dettano le direttive?

E voi vi meravigliate che sempre più persone si allontanano da questa Europa? Con le vostre maniere arroganti da superpotenza, la vostra indifferenza sociale, il vostro incorreggibile atteggiamento in politica economica, calpestate l’eredità lasciata da grandi europei da De Gaulle a Willi Brandt fino a Helmut Khol. Costoro sapevano che il rispetto reciproco e l’equilibrio sociale erano le basi per uno sviluppo europeo di successo: “Il progetto europeo” ha appena ricevuto un colpo terribile, forse letale.

Lo ha detto il premio Nobel Paul Krugman commentando gli sviluppi degli ultimi incontri.  Mi accorgo che vi fa male, allora cambiate la vostra politica. Credo che sia molto triste che voi, per questi risultati, vi festeggiate a vicenda!

È davvero terribile quello che state facendo, terribile per l’Europa, ma anche per la Germania.

Perciò i Linke voteranno contro questo mandato con queste condizioni sbagliate.

https://www.dettiescritti.com/editoriale/la-parlamentare-del-gruppo-politico-tedesco-linke/